L*a*b* FineArt

siamo proprio noi ...

 

Blve L*a*b* FineArt vanta una lunga tradizione nella consulenza per la realizzazione di stampe digitali e il nostro personale è sempre aggiornato sulle novità proposte dai migliori fornitori nazionali ed esteri per offrirti la massima possibilità di scelta .

 

Sarai assistito da personale competente che, valutando i tuoi gusti ed esigenze, saprà offrirti la soluzione più adatta al prezzo più vantaggioso.

 

Tutte le stampe e soluzioni che proponiamo sono garantite, certificate e realizzate con i migliori materiali sul mercato, rispettiamo le normative ISO 9706 per la qualità museale di conservazione delle tue opere.

 

Perché Fine Art Giclée

 

La fotografia fine art giclée è il risultato di una combinazione artistica di espressione fotografica e di tecnica di lavorazione dell’immagine.

Questi elementi tecnici e artistici si integrano, nella parte finale, con la stampa dell’opera. Giclée è un neologismo che vuole significare proprio stampa a getto d’inchiostro: il termine deriva dal francese “gicler”, che significa “spruzzare”. Anche questa fase combina una serie di scelte che influiscono in modo importante sul risultato finale. La Fine Art in fotografia è qualcosa che parte da un progetto e termina con la realizzazione di una fotografia stampata su carta cotone (Rag) di alta qualità.

Le scelte riguardano, oltre ad una stampante di alta qualità (con un gamut ampio), il tipo di carta, il tipo di colori e la professionalità dello stampatore.

La carta può essere liscia, baritata, opaca, semilucida, più o meno spessa, completamente di cellulosa di cotone e possibilmente senza sbiancanti ottici. 

Perché le nostre stampe sono «Qualità Museum»

 

La carta «Qualità Museum» soddisfa i requisiti stabiliti dalla norma ISO 9706 e le esigenze delle gallerie d'arte e dei musei, in termini di conservazione della carta. Tutte le carte da noi utilizzate sono senza sostanze acide e contengono delle riserve alcaline al fine di garantirne la massima durata.

Perché usiamo carte certificate ISO 9706

 

La norma ISO 9706, cosi come stabilito dall'Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione, «specifica i requisiti di resistenza della carta espressi in termini di: resistenza minima agli strappi misurata con il superamento di un test, la quantità minima di sostanze contenute nella carta, misurate in termini di riserve alcaline, che neutralizzano l'azione degli acidi presenti (per esempio il carbonato di calcio), la quantità massima di sostanze facilmente ossidabili misurata attraverso l'indice Kappa, il livello di pH massimo e minimo dell'acqua presente ed estratta a freddo dalla carta».

Le carte da noi utilizzate soddisfano i requisiti fissati dalla norma ISO 9706 per massimizzarne la durata.

 

 Il testo integrale della normativa ISO9706 lo trovate al seguente indirizzo :

 http://www.iso.org/iso/catalogue/catalogue_tc/catalogue_detail.htm?csnumber=17562

Perché quello che vedi nel tuo monitor non corrisponde alle stampe

 

Il risultato della stampa varia in base alle impostazioni della stampante, all'inchiostro e alla carta che si sta usando. Da una parte, il monitor utilizza i colori in RGB (i colori primari rosso, verde e blu) che vengono proiettati sullo schermo nero attraverso raggi catodici o led  e quindi mescolati tra loro per ottenere il colore esatto, dall'altra parte, la stampante utilizza i colori CMYK (Ciano, Magenta, Giallo e Nero) che sono mescolati dalla stampante e spruzzati sulla carta bianca. Lo spettro del colore risulta quindi diverso tra le due periferiche. Un profilo colore o un software RIP permettono di ottenere colori molto simili tra l'immagine che appare sullo schermo e quella stampata. A sua volta però, anche il monitor deve essere regolato in modo che i colori risultino corretti.

Il nostro impegno è quello di fornirvi un ambiente attrezzato con monitor color reference profilati con spettrocolorimetro e stampanti dotate di spettrofotometro per garantire oltre alla precisione anche la ripetibilità dei risultati.